ACB: l'imbattibilità continua, altro che Brancaleone

Cerca nel blog

giovedì 22 agosto 2013

ACB: l'imbattibilità continua, altro che Brancaleone


fonte: www.acbellinzona.ch

Il Bellinzona porta a casa un pareggio dall’Espenmoos. Sembra una cronaca d’altri tempi e invece è quanto successo ieri sera contro il San Gallo. Uno 0-0 non troppo entusiasmante che permette però ai coraggiosi ragazzi granata di mantenersi imbattuti dopo tre giornate di campionato, un po’ alla faccia di chi pensa sempre che Brancaleone non fosse solo Gassman ma un po’ tutti noi che abbiam nel cuore i castelli.
Eppure, e inoltre, qualcosa su cui recriminare c’è, dato che la migliore occasione per spezzare equilibrio e monotonia l’ha avuta tra i piedi Bankovic, giocatore che è stato la sorpresa dell’ultimo secondo poiché ha deciso di dare una mano alla sua squadra dopo un’estate un po’ strampalata (in dialetto si direbbe “giò el capell”). Ebbene, Bankovic ha piazzato una botta sicura a sette minuti dalla fine, dopo splendido assist di Sergi, ma il portiere sangallese ha deviato di ginocchio, come nei migliori fumetti.

Prima di ciò, gran correre dei padroni di casa, velocissimi e spuntati, e ottima difesa granata appoggiata su Spini e Loiero, aiutati da un centrocampo esperto e compatto. In avanti, l’isolato Ike Kalu se l’è dovuta vedere con la museruola applicatagli da Daniele Russo e poco ha potuto. Un pareggio non è da disprezzare per i giovani di Bordoli, sempre più numerosi e convinti. Rispetto al rovescio di Nyon sono state recuperate sicurezza e solidità, soprattutto a centrocampo. Ora, e non da ora, si aspettano nuove, che potrebbero giungere a momenti, anche se è giusto avvisare lettori e tifosi che questa cosa è detta sottovoce e con alcuni toccamenti.

Di certo vi è che domenica al Comunale arriva lo Zurigo secondo e sarebbe una bella occasione per popolare lo stadio invece che piangere e criticare. Non saremo numerosi come i tifosi del Racing di Avellaneda che salvarono la loro squadra dal fallimento popolando lo stadio a migliaia di migliaia, indefessamente e con una passione tremenda, ma qualcosa più che starsene a mugugnare in un cantuccio lontano possiamo fare anche noi. O no?

gene


0 commenti :

Posta un commento

Rimani aggiornato tramite e-mail