UMB RUGBY LUGANO: 10 mete affondano Zurigo

Cerca nel blog

martedì 7 maggio 2013

UMB RUGBY LUGANO: 10 mete affondano Zurigo



ZURICH II – UMB RUGBY LUGANO  07 – 50 (punti 0-5)
  
Formazione: 15 Zuger, 14 Da Costa(Matarrese), 13 Serventi (Bignasca) , 12 Schmitt G.(Rallo) , 11 Fiala’a , 10 Busso, 9 Navas , 8 Schmitt W.,7 Waber , 6 Agustoni (Garcia), 5 Matarese (Gianini) , 4 Zarrillo , 3 Buratti (Cocchiarella) , 2 Steck (Basha) , 1 Maglia

Marcatori: Mete: 1 Zuger, 1 Rallo, 1 Busso, 2 Navas, 2 Fiala’a, 3 Serventi
Trasformazioni: 0
Calci Piazzati: 0
Drop: 0
Cartellini Gialli: 0
Cartellini Rossi : 0

L'UMB Rugby Lugano torna con un’ennesima vittoria, dieci mete segnate e il punto di bonus conquistato in appena venti minuti, dalla trasferta di Zurigo.
Ancora una formazione diversa, e ormai è un’abitudine, per affrontare Zurigo in trasferta. Ai già numerosi assenti si aggiunge Ahumada per un problema muscolare, rientrano però Zarrillo, Schmitt G. e Busso.
Lugano parte forte, impone il suo gioco, sovrasta gli avversari in mischia e chiude la partita, venti a zero, nel primo quarto di gioco.
Azioni a tutto campo, belle mete e anche buona organizzazione difensiva che ha permesso a Lugano di recuperare diversi palloni e muoverli al largo dove l’ottimo Serventi, schierato nel ruolo di secondo centro, e migliore tra i luganesi, ha saputo smistare palloni per le ali come voleva il piano di gioco concordato.

Nota dolente i calci ai pali, uno zero su dieci che preoccupa un po’, venti punti lasciati per strada, che in altre occasioni avrebbero deciso il risultato finale.

Nel secondo tempo anche la possibilità di ruotare tutti i giocatori a disposizione, cambi che non hanno modificato gli equilibri in campo.

Coach Borghetti, pur soddisfatto della prestazione dei suoi, rileva ancora troppi errori nei passaggi e difficoltà nel mantenimento di palla, cosa questa, che potrebbe favorire squadre più strutturate del modesto Zurigo, nel prosieguo del campionato.

Il pensiero infatti è già al big match con Friborgo che deciderà, con molta probabilità, l’intera stagione.

L’uso sbagliato ed eccessivo del gioco al piede, la forzatura di troppi passaggi e come già detto l’imprecisione ai pali, sono dati negativi da rimediare prima di sabato, altrimenti battere Friborgo sarà davvero difficile.

Tornando al match di Zurigo e alle cose buone, ha fatto a tutti piacere ritrovare in campo capitan Schmitt, vero leader del team ticinese, buona la sua frazione di gioco, nonostante non si sia ancora completamente ripreso dall’infortunio, così come il ritorno di Busso assente dalla pausa invernale.

Ora settimana intensa per il club luganese che ospiterà i giovani francesi di Brioude, ottima scuola rugby transalpina. Giovedì affronteranno i pari età ticinesi e due squadre italiane e saranno per tre giorni in soggiorno a Tesserete. Poi la testa, per tutta la settimana va al match di sabato, una finale per il probabile accesso alla massima serie.

ABC

0 commenti :

Posta un commento

Rimani aggiornato tramite e-mail