Archiviata la Regular Season Mercoledi la CEV con il Galatasaray

Cerca nel blog

domenica 13 gennaio 2013

Archiviata la Regular Season Mercoledi la CEV con il Galatasaray



Tre punti dovevano essere e tre punti sono stati. Questo è l’esito dell’ultima partita della “regular season” dell’EN Gas & Oil Lugano, che sabato sera alla Ruebisbach di Kloten in 72 minuti ha liquidato per 3-0 il fanalino di coda Züri Unterland.
Diciamolo subito, non è stata una gran partita, ma obiettivamente i Dragoni non avrebbero potuto fare di più vista la consistenza dell’avversario. La partita è servita soprattutto al brasiliano Banderò per riprendere contatto con l’agonismo dopo qualche settimana di stop a causa di un risentimento muscolare al polpaccio, a Nema Savic e David Hübner (che hanno giocato due tempi), Luca Beggiolin e Sergio Jockovic per mettere minuti nelle gambe e a Jukka Lehtonen e Fernando Garnica per tirare parzialmente il fiato, visto che entrambi hanno riposato per almeno una frazione.

Vista l’occasione propizia, l’allenatore Mario Motta ne ha approfittato anche per lasciare tranquillo in panchina lo schiacciatore Davide Manassero, assai sollecitato la scorsa fine di settimana nel doppio appuntamento contro lo Chênois e che avrà bisogno di energia per le importanti sfide che attendono lui e la squadra nei prossimi giorni.
Sabato, rispetto il primo confronto disputato al Palamondo dove aveva realizzato la miseria di 29 punti, lo Züri Unterland ne ha messi a segno qualcuno in più, senza tuttavia mai veramente impensierire i Dragoni, che però nella seconda frazione hanno faticato a mantenere alta la concentrazione, permettendo ai giocatori di Karim Takouk di farsi sotto nel punteggio in più frangenti, sino a giungere al pareggio (18-18) e – addirittura – passare in vantaggio (19-18 e 21-20).
Hübner e compagni si sono poi lasciati ancora sorprendere dallo Züri in avvio di terzo set (3-0), riuscendo però ad invertire la rotta ed arrivare al primo tecnico in vantaggio (8-7). Da quel momento, Banderò, Sauss e Lehtonen hanno suonato la carica e per gli zurighesi è stata finita. Sul 12-15 un errore al servizio dei padroni di casa ha spianato la strada ai Dragoni che con tre sassate di Banderò dapprima, due di Sauss, Mariano e Lehtonen si sono trovati a gestire un massimo vantaggio di +10 (14-24). A consegnare il set e il successo finale ci ha poi pensato capitan Hübner.
Archiviata la prima parte della stagione e in attesa di iniziare i playoff il 26 gennaio contro lo Chênois, i Dragoni volgono ora lo sguardo alla partita casalinga d’andata degli ottavi di Challenge Cup contro i turchi del Galatasaray di dopodomani alla Arti & Mestieri di Bellinzona (ore 20) e a quella valida per le semifinali di Coppa svizzera di domenica contro la formazione di LNB dell’Oberdiessbach.

0 commenti :

Posta un commento

Rimani aggiornato tramite e-mail