Ultimissime

martedì 11 settembre 2012

Settore Giovanile, un nuovo obiettivo si affianca alla Serie A della Pallavolo Lugano



La Pallavolo Lugano dopo il rinnovo quasi completo del team tecnico e degli atleti, che saranno sui campi di gioco a fine settembre, ha deciso di partire con un progetto per la riorganizzazione del settore giovanile.
Dopo la fine di un primo ciclo di tre anni, dove i Dragoni hanno voluto affermarsi nel massimo campionato (meritato secondo posto al campionato di Lega Nazionale A 2011/2012) si è deciso di ampliare le potenzialità della Pallavolo Lugano assicurando agli atleti ticinesi più giovani un luogo di crescita importante per dare continuità e lustro al club.
Il percorso societario è chiaro: in tre anni con un progetto di intervento integrato sul territorio si ha l'obiettivo di ricostruire un settore giovanile, dal mini volley all'U23, ed è proprio con questo ultimo gruppo che la Pallavolo Lugano, con l'aiuto dei tecnici della prima squadra Mario Motta e Marco Camperi, darà il via al suo progetto.
Per far ciò, oltre al supporto di tutte le società sparse sul territorio e delle amministrazioni, si avrà bisogno di persone competenti atte a trasformare le idee in fatti; per questo è stato necessario assicurarsi una figura dedicata.
La società luganese ha interpellato Cristiano Zatta professionista nell'ambito sportivo con esperienze importanti nella costruzione dei settori giovanili.
Il nuovo coordinatore all'inizio del suo percorso ha allenato ragazzi di diverse età, in seguito è stato coinvolto in vari interventi all'interno di note società pallavolistiche lombarde ( Pallavolo Olgiate e Vero Volley, solo per fare alcuni nomi) per la ricostruzione di settori che vanno dal minivolley alle squadre agonistiche, con risultati importati.
Cristiano Zatta porta il suo esempio professionale proponendo alcuni progetti che coinvolgono società sportive e scuole del cantone per promulgare l'attività pallavolistica. Lugano sarà il vertice dello sviluppo pallavolistico ma l'idea nuova (e vincente) è quella di organizzare assieme le società del territorio per lo sviluppo del settore giovanile, col fine di avere delle squadre con obiettivi di alto livello, ma soprattutto di aprire le porte delle palestre a tutte i ragazzi che vogliono sperimentare e crescere con la pallavolo.
Insomma il 2012 potrebbe essere, come dice uno dei responsabili di questo progetto, Tommaso Romeo, "solo l'inizio...".
Infatti proprio lui sarà al tavolo delle trattative per capire quali sono le società effettivamente interessate a collaborare per la creazione di un Centro di qualificazione per la Pallavolo Ticinese.
In un primo momento quindi verrà creato uno staff che si occuperà inizialmente del settore giovanile con l'obiettivo della creazione di squadre dalla categoria del Circulation volley (per bambini sotto gli otto anni) all'U13, nel primo anno di attività.
Anche alle istituzioni presenti nel territorio si richiede un'attenzione particolare per la diffusione del progetto sportivo che la Pallavolo Lugano si impegna a sostenere in prima persona.
Il primo risultato soddisfacente è già stato raggiunto grazie alla collaborazione con la Federazione Regionale Ticinese di Pallavolo che s'adopererà nella promozione e nella diffusione dell'attività.
In questa prospettiva Cristiano Zatta pensa che "partire con un progetto nuovo su un territorio importante come il Ticino non è così semplice, il lavoro è molto, ma si può fare bene se c'è collaborazione tra le società. Il grande vantaggio è essere legati alla Pallavolo Lugano, che sta affrontando la nuova esperienza con grande disponibilità e con l'apertura alle altre società e alle istituzioni".
Questa nuova stagione pallavolistica prende il via accompagnata da molte speranze di vittorie e di grandi novità per un futuro ricco di prospettive. Allora forza Dragoni!

Nessun commento:

Posta un commento