Il Rugby Lugano ancora in rodaggio, ma la vittoria arriva comunque

Cerca nel blog

lunedì 10 settembre 2012

Il Rugby Lugano ancora in rodaggio, ma la vittoria arriva comunque



Chaux de Fonds – Rugby Lugano  19 – 26 (punti 1-4)

Formazione: 15 Zuger, 14 Serventi, 13 Busso, 12 Bait, 11 Da Costa (Rallo), 10 Medici, 9 Navas, 8 Borello, 7 Ermolli, 6 Agustoni, 5 Della Santa, 4 Matarese, 3 Buratti (Basha), 2 Maglia, 1 Dominguez (Steck)  
N. E: Pellegrini, Matarrese, Nicolas

Marcatori:  
Mete: 1 Matarese, 1Borello, 1 Serventi  
Trasformazioni: 1 medici  
Calci Piazzati: 3 Medici  
Drop: 0  
Cartellini Gialli: 1 Borello  
Carellini Rossi : 0

Prima uscita nel campionato di Lega B per il Rugby Lugano e prima vittoria ma senza bonus.

Che si prospettasse una trasferta difficile lo si sapeva già in settimana: l’inizio del campionato a ridosso delle vacanze estive appena terminate in Ticino e che non ha permesso lo svolgimento di partite amichevoli, l’assenza del capitano Schmitt, la preparazione ancora in corso e numerosi indisponibili tra lavoro, convocazione in nazionale, come il caso del buon Calvaresi, vacanze, sono sicuramente dati oggettivi di cui tener conto.

In aggiunta a ciò , però , la squadra luganese si è complicata da sola le cose, andando subito in meta nei primi minuti, realizzando poco dopo il piazzato del break e sprecando facili segnature che avrebbero chiuso la partita dopo solo 20 minuti. Invece così non è stato e i ruvidi e ostici giocatori dello Chaux de Fonds hanno preso coraggio, realizzando in soli 10 minuti ben tre segnature, che li hanno portati, sfruttando al meglio la fisicità dei propri uomini e la forza del pacchetto di mischia, alla chiusura del primo tempo in netto e meritato vantaggio.

Nel secondo tempo la musica non cambia di molto, ma la maggior capacità tecnica di Lugano, nonostante ancora molti errori, l’esperienza di Steck subentrato a Dominguez in mischia chiusa e le ottime prove di Matarese pack leader di Lugano e migliore in campo e di Medici nella gestione dei momenti critici del match, hanno permesso la giusta rimonta, per i valori visti in campo.

La partita, per la cronaca, rimane aperta sino al fischio finale che coincide con il piazzato di Medici, prima di ciò, e questo è il dato che più deve confortare Lugano, la barriera dei ticinesi non permette a Chaux de Fonds di segnare nonostante il ripetuto attacco a pochi metri dalla linea di meta.

Borghetti utilizzerà le prime tre partite di campionato per testare e rodare tutto il gruppo, c’è per cui da aspettarsi una certa difficoltà nei sincronismi , soprattutto in una squadra che sabato vedeva tre elementi nuovi nei 15 iniziali e 2 esordienti assoluti in panchina.

Ora si riprende in settimana a lavorare sul campo e in palestra , sperando di recuperare gli assenti in vista della difficile trasferta di Friburgo

0 commenti :

Posta un commento

Rimani aggiornato tramite e-mail